Una nana bianca affamata

Le nane bianche sono stelle massicce come il Sole e grandi come la Terra, che non producono più energia, e che si raffreddano lentamente, in miliardi di anni. Anche il nostro Sole alla fine della sua vita diventerà una nana bianca.

Di recente è stata osservata una di queste stelle, chiamata WD 0816-310, che ha inglobato dentro di sé un corpo roccioso di circa 500 chilometri di diametro. È stata osservata con il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO (European Southern Observatory) nel deserto di Atacama in Cile su una montagna alta 2635 metri.

Si sapeva già da tempo che alcune nane bianche possono inglobare pianeti e corpi celesti intorno a loro. Tuttavia, ora si è scoperto che il campo magnetico della stella ha un ruolo importante in questo processo.

Il campo magnetico della nana bianca, infatti, ha incanalato i metalli contenuti nel corpo roccioso verso uno dei poli della stella, formando una concentrazione di metalli sulla superficie. Questo materiale rimane localizzato intorno al polo proprio grazie al campo magnetico.

Per realizzare questa scoperta, i ricercatori hanno usato uno strumento multiuso del VLT, chiamato Fors2, che ha permesso di rilevare la concentrazione metallica e di collegarla al campo magnetico della stella.

Questo studio mostra che i sistemi planetari rimangono dinamicamente attivi, anche dopo la “morte” della stella.

 

Credits immagine: ESO/L. Calçada

Referenze:
-Cicatrice di metallo su una stella cannibale – MEDIA INAF

– Cicatrice di metallo trovata su una stella nana bianca – YouTube

Il museo della Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze è aperto dalle ore 9.00 alle ore 13.00, dal martedì al alla domenica.
La biblioteca è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00.

MUSEO
Adulti: € 8.00
Bambini: € 6.00

PLANETARIO
Adulti: € 8.00
Bambini: € 6.00
Planetario + Laboratorio / bambini: € 10.00
Solo su prenotazion

Sconto di 1,00 € per
- soci Coop

Search